IL NOSTRO CIGNO

Il blog creativo dei bimbi e dei ragazzi dell' I.C. Maria Montessori

Turisti per un giorno Margherita-Sebastiano-Alma-Andrea III B (viale Adriatico)

Avevo i brividi, anche se ero già andata al Chiostro del Bramante per visitare la mostra Enjoy, non vedevo l’ora di vivere di nuovo questa esperienza con tutta la classe.

Era lunedì 18 febbraio e l’incontro con i compagni e le insegnanti era a piazza Primoli, alla fermata del 60. Sull’autobus c’era poca gente così mi sono potuta sedere.

Successivamente siamo scesi dall’autobus e ne abbiamo preso un altro veramente pieno che ci ha portato vicino piazza Navona dove ci siamo fermati a fare merenda.

2

Da lì abbiamo fatto un altro pezzo a piedi fino ad arrivare al Chiostro del Bramante dove ci ha accolto una gentile guida.

Per tutta la mostra abbiamo utilizzato le audioguide che si sono rivelate molto utili.

Le sale che mi sono piaciute di più sono state la seconda e la dodicesima, tutte e due molto affascinanti.

La prima era più o meno un’ esposizione di uccellini e sculture floreali a forma di cono e … a un certo punto si sono spente le luci, pensavo che esplodesse tutto invece il “cono floreale” si è messo a girare mentre gli uccellini cantavano e si muovevano.

screenshot_2018-02-26-12-25-28.png

La seconda è stata molto divertente, era una sala piena fino al soffitto di palloncini rossi.  

Quando sono uscita, a causa dello sfregamento, avevo i capelli elettrizzati.

Infine al ritorno abbiamo preso sempre due autobus, il primo molto pieno, il secondo vuoto ma …. ero seduta vicino a Giulia L. in un posto da uno e mezzo, dopo 5 minuti che stavamo comode comode arriva una signora con dei capelli lunghi verdi e penzolanti che quasi quasi ci prende il posto, perché si siede su metà sedile, senza neanche chiedere permesso e soprattutto ci penzolava in testa i suoi capelli.

Scesi dall’autobus siamo corsi a scuola e abbiamo mangiato per miracolo perché avevamo fatto molto tardi.

Margherita

Ero già andato al Chiostro del Bramante a vedere la mostra Enjoy, l’arte incontra il divertimento, però è stato ugualmente bello e divertente.

Quando ho saputo che lunedì saremmo andati alla mostra con tutta la classe era molto felice.

Il giorno della nostra uscita ero addirittura eccitato.

Siamo andati al capolinea del 60, lì abbiamo preso il primo autobus che era ovviamente vuoto, ho pensato “Che fortuna!”, poi siamo scesi e abbiamo preso il secondo autobus che invece era tutto pieno di persone!

Una volta scesi abbiamo proseguito a piedi fino al Chiostro del bramante, arrivati ci hanno dato delle audioguide che mi hanno aiutato molto.

Alla mostra erano esposte molte opere belle tra cui una in cui si doveva attraversare un labirinto di camerini, dentro ad ogni camerino c’erano uno o due vie d’uscita, il resto era tutto specchi.

 

Quando siamo usciti ho capito una cosa, ho capito che Enjoy è una mostra in cui le opere si possono toccare, in cui anche lo spettatore diventa opera d’arte.

Io vi consiglio di andarci perché non è una mostra come le altre.

Sebastiano

 

 

Quando ci hanno detto che lunedì saremmo andati alla mostra Enjoy eravamo emozionatissimi.

Ci siamo incontrati alla fermata del 60, abbiamo dovuto prendere due autobus poi il secondo ci ha portati fino in centro, da lì abbiamo continuato a piedi fino al Chiostro del Bramante.

Appena arrivati, ci ha accolto dolcemente una signora che ci ha dato le audioguide.

In ogni stanza c’era qualcosa di molto interessante.

La mia stanza preferita è stata la numero 12, quella dei palloncini rossi, era la mia preferita perché potevamo muoverci da tutte le parti, spostare i palloncini di qua e di là e addirittura buttarcici sopra.

WhatsApp Image 2018-02-26 at 11.31.44

Infine un autobus ci ha riportati a scuola.

È stata un’esperienza bellissima, mi piacerebbe ritornarci perché non è stata una mostra qualunque ma un’ esposizione speciale e divertente!

Alma

 

 

Non ero mai stato al Chiostro del Bramante, per questo motivo la mattina dell’ uscita ero Astro Mega felice come un miliardario che guadagna fantastiliardi.

Mi sono vestito, ho fatto colazione e siamo andati da Kimia, un mio compagno di classe. Una volta saliti in macchina siamo andati al capolinea del 60, dopo un po’ abbiamo preso l’autobus, in seguito siamo scesi per prenderne un altro.

Una volta scesi abbiamo fatto un pezzo di strada a piedi e siamo arrivati a piazza Navona, lì abbiamo fatto merenda e siamo ripartiti.

Siamo arrivati al Chiostro del Bramante, siamo entrati e abbiamo preso le audioguide.  Subito dopo siamo entrati nella sala numero uno, era molto bella perché era piena di fiori disegnati, nella sala numero due c’era un grande uccello rosso appeso in aria e….. blablabla …c’erano altre stanze ma quelle che mi sono piaciute di più sono il labirinto di specchi e quella dei palloncini.

Andrea

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 febbraio 2018 da in LE NOSTRE EMOZIONI, RACCONTI FOTOGRAFICI, Senza categoria.